ANTONIO MEUCCI FILMMAKER

Antonio Meucci - Filmmaker

Antonio Meucci frequenta il corso di regia presso il laboratorio cinematografico Immagina (Firenze, 1993), continua poi gli studi conseguendo il diploma di scenografia all’Accademia di Belle Arti (Firenze, 1998).

In quegli stessi anni realizza una serie di brevi cortometraggi sperimentali, raccolti sotto il titolo di Quadrilogia del moto verticale, con i quali vince numerosi festival italiani, tra i quali: Arcipelago (Roma, 1996), Menocinque (Sansepolcro, 1996), Videokids (Udine, 1999), Visionaria (Piombino, 2008). I quattro cortometraggi vengono selezionati alla Biennale dei Giovani Artisti Del Mediterraneo (Torino, 1997), al N.I.C.E. film fest (New York, San Francisco, 2000), partecipano inoltre all’Italienische Kurzfilmwoche (Berlino, 2000) e vengono trasmessi su Odeon tv (1998) e La7 (2003).

Tra il 1999 e il 2012, Antonio Meucci vive e lavora a Roma collaborando, in più vesti pro-fessionali, a numerosi progetti televisivi e cinematografici, e come aiuto regista realizza il docu-mentario Ercolano, gli scheletri del mistero (regia di Marco Visalberghi, andato in onda su Rete 4 e Discovery Channel), la serie tv per ragazzi Arthea (regia di Enrico Rosati e Stefano Sollima, andata in onda in 52 puntate su Rai 3), lo spot pubblicitario Radio RDS (regia di Matteo Antonelli, andato in onda su Rete 4, Canale 5 e Mtv Italia).

Matura esperienze professionali anche come video-operatore realizzando servizi per le trasmissioni televisive Chi l’ha visto? (Rai 3) e Cominciamo Bene (Rai 3).

Nell’ambito del montaggio realizza i contenuti extra dei film Baarìa (di Giuseppe Tornatore), Marco Polo (di Giuliano Montaldo), Alexandra (di Aleksandr Sokurov), Il processo (di Luigi Di Gianni), Eva e Adamo (di Vittorio Moroni), L’estate di mio fratello (di Pietro Reggiani), Il grande Torino (di Claudio Boni-vento), Amore 14 (di Federico Moccia).
Sempre in veste di montatore firma due documentari (Bonaviri ritratto e Sicilia di sabbia) per la regia di Massimiliano Perrotta, I racconti di un pellegrino (di Loretta Cavallaro), Petrolini, Salamini e altri Divini (di Nicola Fano).

Negli stessi anni instaura rapporti professionali con il regista Eugenio Cappuccio, di cui è assistente alla regia nel film Volevo solo dormirle addosso (2004), assistente al montaggio nel film Se sei così ti dico sì (2011), regista di seconda unità per la tv fiction I delitti del Barlume (2013), montatore per l’intervista video Abecedario di Andrea Camilleri (2010) e per gli spot televisivi Poirot e Dallas (andati in onda nel 2010 sul canale satellitare Hallmark Channel).

In veste di regista firma numerosi documentari, tra questi si ricorda uno degli episodi di Cuochi stellari (2000), nella fattispecie l’episodio sui cuochi gemelli Jacques e Laurent Pourcel a Montpelier. L’anno successivo realizza lo spot televisivo per l’azienda d’abbigliamento maschile Louis Long (andato in onda su China Central Television) e Per_corsi scientifici, un video promozionale per la facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università degli studi di Roma Tor Vergata.

Nel 2003, in ambito promozionale, realizza Pescara 2009, commissionato dal Comune di Pescara per la candidatura della città ai Giochi del Mediterraneo. Nel 2006, per il 120° anniversario della nascita dell’Istituto Tecnico Tessile “T. Buzzi”, realizza a Prato il documentario Una scuola, una città, un simbolo….

Ancora in veste di regista lavora per Fox Channel tra il 2007 e il 2008, realizzando in un primo momento il “pilota televisivo” Una vita in borsetta e successivamente creando numerosi promo di serie tv. Tra il 2010 e il 2011 cura un ciclo di video per l’archivio dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, in concomitanza dell’evento artistico Fluxus Biennial, a cura di Achille Bo-nito Oliva.

Nel 2012 Antonio Meucci lascia Roma tornando a vivere in Toscana dove continua a lavorare. Cura la regia per il videoclip Elettrica del gruppo rock Litfiba, lo spot per gli orologi U-boat del designer Italo Fontana e una lunga video-intervista all’artista labronico Paolo Lumini.

Nei due anni successivi collabora con l’istituto scolastico I.S.I.S.S. “Marco Polo” di Cecina insegnando montaggio e riprese video, dirige poi il videoclip Gango per il gruppo rock Indygenìe (Sabina e Mario Manetti).

Nel 2015, in concomitanza della ricorrenza dei 70 anni di Unicoop Tirreno, realizza un breve video che prende vita grazie alle immagini messe a disposizione dall’Archivio Storico “Me-morie Cooperative” di Ribolla (Grosseto).

In ambito musicale imbastisce una collaborazione con Francesco Landucci realizzando una serie di live musicali dal titolo Hill Track, registrati sulle colline intorno a Casale Marittimo (Pode-rino Recording Studio).

Nel 2016 il Museo Archeologico di Rosignano Marittimo gli commissiona un video esplicativo installato all’interno delle sale del museo e nel 2017 un suo soggetto cinematografico viene trasposto dall’illustratore e fumettista Luigi Ricca sul secondo numero della rivista annuale Crisma.